L’Esperienzoteca  -  2

Per ulteriori informazioni:

                 deveradan@alice.it

4) Progetto o Titolo dell'esperienza: "DanzaMovimento Terapia e Psichiatria in Casa-Famiglia"

Anno di inizio: 1994

Durata: 1 anno

Sede (pubblico, privato, convenzionato): Privato

Ambito (preventivo, riabilitativo, clinico, educativo, etc): Educativo-Riabilitativo

Obiettivi generali del lavoro: Graduale integrazione del lavoro di DMT con le altre attività della Casa-Famiglia
Riordino e Riorganizzazione delle Esperienze con riappropriazione del linguaggio corporeo, sonoro-ritmico e grafico
Passaggio dalla Frammentarietà alla Unità
Sviluppo di un livello minimale di Autonomia Critica
Innalzamento del livello di Socializzazione e sviluppo delle Capacità Comunicative
Recupero delle possibilità di muoversi in modo più armonico
Preparazione di un Laboratorio-Spettacolo.

 

Obiettivi specifici: Integrazione del Setting di DMT nella vita quotidiana della Casa Famiglia
Esercizi Corporei per passare dal vissuto di Frammentarietà a quello di Unità
Livelli minimali di Autonomia Critica rispetto al Setting sviluppata attraverso attività ludiche specifiche
Giochi Corporei e Motori per innalzare il livello di Socializzazione
Recupero della possibilità di muoversi in modo più armonico attraverso la Danza
La Preparazione del Laboratorio-Spettacolo è stata condotta facendo partecipare, ove possibile, gli utenti anche alla fase di progettazione dello Spettacolo.

Target a cui è rivolta (indicare fasce di età, tipologia utenti, numero): 8 utenti psichiatrici adulti

Metodologia utilizzata: DMT in Chiave Simbolica®
1 DMT, 1 Tirocinante Psicoterapeuta, 1 Educatore, il Responsabile della Struttura.
Coordinamento con l'Educatore in carico di un Laboratorio di Artigianato (quindicinale) per preparare una reintegrazione sociale del paziente psichico
Strumenti di Verifica e Valutazione:
· Diari di Seduta
· Videoregistrazione
· Incontro Mensile con lo Psichiatra in carico della Comunità
Sedute di Gruppo con Setting rigoroso e Conduzione Direttiva e Partecipante
Le Sedute si articolavano in 4 fasi: un Rituale d'Inizio, una Fase Centrale, un Rituale di Chiusura, la preparazione di un Laboratorio-Spettacolo

5) Progetto o Titolo dell'esperienza: "DMT e Pazienti Psicosomatici: il tema del Controllo ed il suo superamento attraverso il lavoro di Gruppo"

Anno di inizio: 1998

Durata: 1 anno

Sede (pubblico, privato, convenzionato): Privato

Ambito (preventivo, riabilitativo, clinico, educativo, etc): Clinico

Obiettivi generali del lavoro: Fondazione del Gruppo
Ri-educazione dei Pazienti Psicosomatici al proprio Corpo ed a vivere le Emozioni (altrimenti iper-controllate) in modo armonico.
Il Setting Gruppale come spazio in cui incontrare l'Altro non secondo le regole rigide dell'Io ma assecondando il corpo ed i suoi vissuti
La dimensione rituale, tipica dei Setting di DMT, per riportare i partecipanti alla loro realtà corporea senza stimolare un eccesso di difese da parte dell'Io.

Obiettivi specifici: Il Gruppo, eterogeneo per Disturbi Psicosomatici, deve essere fondato con molto rigore.
Cura particolare del concetto di gruppalità a scapito del concetto di individualità così presente in questa Utenza.
Tentativo di "rintracciare"le Emozioni nel Corpo evitando le Verbalizzazioni ed integrando, a livello di canali espressivi, il Disegno e l'Attività Plastica.
L'aspetto Relazionale da approfondire attraverso la Pratica del Dialogo Motorio in tutte le sue varianti comunque favorendo sempre una Comunicazione Corporea e Non Verbale.
La Dimensione Rituale come possibilità di riattivare energie sepolte in un corpo sempre "raccontato" ma mai veramente percepito

Target a cui è rivolta (indicare fasce di età, tipologia utenti, numero): 10 pazienti psicosomatici (3 cefalalgici, 2 colitici, 2 affetti da cervicalgie ricorrenti, 2 insonni gravi, 1 soggetto fortemente allergico). 28-50 anni

Metodologia utilizzata: DMT in Chiave Simbolica®
1 DMT ,1 Medico Psicosomatista,2 Psicologhe Tirocinanti
Strumenti di verifica e valutazione:
· Diari di Seduta
· Incontri tra gli operatori
· Utilizzo della Scheda DIADE per la lettura del Corpo e del Movimento

 

Sedute di Gruppo, una volta alla settimana della durata di 1H.30
Tipo di Conduzione Semidirettiva e Non Partecipante.
Follow-up di circa 2 anni

Breve descrizione dell'esperienza: La Prima Fase è stata di Fondazione del Gruppo utilizzando la Dimensione Rituale soprattutto ad Inizio e Conclusione di Seduta.
L' uscita dalla Dimensione Individuale per entrare in quella Collettiva/Gruppale ha fatto emergere non poche resistenze.
La Seconda Fase è stata basata essenzialmente sul lavoro su Corpo ed Emozioni favorendo la Relazione duale attraverso lavori in Diade con scambio di Ruolo.
In questa Fase, la mole di lavoro corporeo svolto è stata notevole: si è lavorato molto, tra l'altro, con la Tecnica degli Opposti e con la Respirazione,
E' stata fortemente stimolata la Creatività Corporea attraverso l'Improvvisazione Guidata e poi Libera: a questo punto sono state introdotte altre modalità espressive quali l'Attività Grafica e Plastica.
In una Terza Fase si è ridato spazio al Verbale attraverso la Fiaba Danzata Individuale e Collettiva: questo lavoro sull'Ombra e sull'AntiEroe, integrato con la Danza, ha dato risultati molto interessanti

6) Progetto o Titolo dell'esperienza: "DMT e Obesità: microgruppo omogeneo per patologia. Ricerca di strategie comuni contro il Sovrappeso"

Anno di inizio: 2000

Durata: 1 anno

Sede (pubblico, privato, convenzionato): Privato

Ambito (preventivo, riabilitativo, clinico educativo, etc): Clinico-Educativo

Obiettivi generali del lavoro: Creazione di una dimensione di Gruppo
Lavoro sullo Schema Corporeo ed Aggiornamento della Body Image
Lavoro di Autopercezione del Corpo e dimensione del Piacere del Corpo
Stimolazione della Dimensione Creativa a livello Individuale e Gruppale
Strategie anti-fame
La Dimensione Rituale

Obiettivi specifici: Fondazione del Gruppo attraverso la Dimensione Rituale e Ritmica
Il lavoro sullo Schema Corporeo da farsi principalmente attraverso Esercizi di Autopercezione e di Rispecchiamento.
Per contrastare la autodistruttività tipica di questi Pazienti si è ipotizzato di concentrarsi sui Giochi e sul Piacere in modo da ripristinare una relazione più gratificante col proprio corpo.
La Creatività da stimolare attraverso l'utilizzo di materiali diversi oltre che attraverso l'Improvvisazione Motoria.
Molto spazio da dedicare alle Strategie Anti-Fame ed alla ritualità del pasto ricorrendo anche a modalità tipiche dello Psicodramma.
Lavoro col Ritmo per scandire via via tutte le fasi
sopraelencate.

Target a cui è rivolta (indicare fasce di età, tipologia utenti, numero): N. 6 utenti obese. Età 20-40

Metodologia utilizzata: DMT in Chiave Simbolica®
1 DMT, 1 Medico Psicosomatista, 2 Psicologi Tirocinanti
Strumenti di verifica e Valutazione:
· Diari di Seduta
· Incontri tra i due operatori
· Utilizzo della Scheda DIADE per la lettura del Corpo e del Movimento
Sedute di Gruppo, una volta alla settimana della durata di 1H.30
Tipo di Conduzione Direttiva e Non Partecipante.
Follow-up di 2 anni

Breve descrizione dell'esperienza: La Prima Fase del Progetto è stata fortemente sperimentale improntata all'integrazione dell'Incontro di DMT nella vita della Casa Famiglia. L'atteggiamento da parte della DMT è stato di accoglienza ed ascolto dei bisogni anche inespressi:l'osservazione e l'analisi di tali bisogni è stata condivisa con il resto dell'Equipe.
Il turn-over, agli inizi è stato presente ma poi la situazione si è stabilizzata.
Nella Seconda Fase si è passati al Lavoro Corporeo mantenendo, non senza difficoltà, un Setting rigoroso: in questa Fase il Gioco ha avuto esiti apprezzabili
Il Laboratorio Spettacolo è stato fortemente voluto sia dai Responsabili della Casa-Famiglia sia dagli Utenti: la sua Preparazione ha occupato quasi interamente la Terza Fase.
Tale Preparazione è stata articolata e complessa ma la riuscita è stata di discreto livello tenendo presente che l'attenzione è stata posta maggiormente sul processo che sul risultato.
I partecipanti al Gruppo vi hanno partecipato tutti malgrado nella preparazione vi fossero state, a tratti, delle defezioni.                                                                                                                                                                               (segue)